osteoporosi: calcio e alimenti vegetali

 

Come dicevamo, l’alimentazione non deve essere carente di calcio e vitamina D: il primo è presente, oltre che nel latte, anche in broccoli, arance, mandorle, cavoli, carciofi, arachidi, noci, pistacchi, nocciole, fichi secchi e spinaci, soia e derivati; mentre la vitamina D si assorbe principalmente grazie all’esposizione alla luce del sole. Se vivete in una zona poco soleggiata, potete consumare abitualmente uova e pesci grassi (sardine, aringhe, salmone, tonno) o assumere la vitamina D attraverso degli integratori.

Nelle verdure a foglia verde come spinaci, crescione, cavolo cinese, bietole, etc… possiamo trovare notevoli quantità di calcio. Ad esempio: in una tazza di cime di rapa cotte ce ne sono 200 milligrammi (pari al 20% del fabbisogno giornaliero). Per quanto riguarda la frutta i fichi dovrebbero essere in cima alla lista della spesa per chi è alla ricerca di cibi che aiutino a rinforzare le ossa. Cinque fichi freschi infatti apportano circa 90 milligrammi di calcio e altri nutrienti come potassio e magnesio, così come mangiare prugne secche come spuntino aiuta a migliorare la densità ossea.

Non dimentichiamo il pesce! Sapevi che 85g di salmone in scatola contengono 183 mmg di calcio? Il salmone e altri tipi di pesce grasso, come sardine e sgombro, offrono una vasta gamma di sostanze nutritive come la vitamina D e gli acidi grassi omega-3 che diminuiscono i livelli di infiammazione e aiutano a prevenire l’osteoporosi.

Anche le erbe aromatiche possono aiutarci ad apportare da 1000 a 2300 mg di calcio ogni 100 grammi! Basilico, salvia, origano, timo e rosmarino non solo danno sapore ai nostri pasti ma ci fanno anche del bene!
Ci sono alcuni alimenti, così come abitudini, che al contrario di quelli citati finora “rubano” il calcio al nostro organismo e pertanto ve ne sconsigliamo l’assunzione. Eccone alcuni esempi: eccesso di sale, diete sbilanciate, alcol, tabacco, zucchero bianco, caffè, bibite gassate e zuccherate, cibi raffinati, cibi precotti, cibi fritti.


Come fare allora ad avere un corpo sano? La prima regola per avere una buona funzionalità intestinale in modo da assicurare un adeguato assorbimento del calcio. Sicuramente mantenersi attivi e in movimento mantiene  in buona salute non solo le articolazioni ma tutti i tessuti del corpo (ossa, muscoli, nervi, legamenti…). Monitorare lo stato di salute delle proprie ossa é possibile anche attraverso visite osteopatiche periodiche. L’osteopatia, dal greco antico: ὀστέον, ostéon, "osso" e πάθος, páthos, "sofferenza", è una pratica manuale che mira a ristabilire l’equilibrio in ogni parte dell’organismo e favorire la guarigione. Si tratta di un approccio non sintomatico volto a valutare la complessità del corpo e della mente. 

Ti ricordiamo che seguire un’alimentazione equilibrata è fondamentale per rafforzare le nostre ossa e prevenire fratture, osteoporosi, deformazioni della colonna vertebrale, problemi ai denti e altre malattie.

Inoltre, adottare uno stile di vita attivo e seguire una dieta equilibrata favorisce il benessere dell’organismo nel suo complesso, e dell’apparato scheletrico in particolare.